Migliori pantaloncini mtb uomo: imbottiti per ciclismo

I pantaloncini per bici ti terranno a tuo agio sulla bicicletta, indipendentemente dalla durata del viaggio.

A meno che non si stia pensando di pedalare dietro all’angolo per una gita veloce, ogni ciclista che si rispetti deve assicurarsi di avere l’attrezzatura giusta per la propria corsa.

Questo non significa solo che le gomme abbiano l’aria, che le scarpe siano tagliate e che il casco sia ben stretto. Dovresti anche indossare i vestiti giusti.

Non si vuole solo salire in sella con un paio di pantaloncini da ginnastica o anche leggings a compressione standard – se hai intenzione di accumulare un vero chilometraggio, avrai bisogno di un buon paio di pantaloncini da ciclismo imbottiti.

Non sei più un ragazzino, e i tuoi vecchi jeans non saranno sicuramente all’altezza.

L’imbottitura densa, tipicamente in materiali sintetici, permette di passare più tempo sulla sella senza dolore o sfregamenti, aiutando ad evitare le irritanti piaghe da sella dovute ai chilometri percorsi pedalando. Ci sono anche altri fattori che rendono questi pantaloncini superiori all’abbigliamento non specifico per la bicicletta, naturalmente, ma si parte dal sedile.

Miglior pantaloncino mtb per ciclismo uomo

Dai un’occhiata a queste 10 paia di pantaloncini da ciclista mtb imbottiti uomo prima della prossima pedalata.


Pantaloncini bici uomo: In profondità

I pantaloncini da ciclismo, come altri tipi di abbigliamento da ciclista, sono progettati per mantenere l’asciutto incanalando l’umidità dal sudore verso l’esterno del tessuto (“wicking”) e nel caso dei capi in lycra, caldi e confortevoli intrappolando uno strato di aria isolante vicino alla pelle.

I pantaloncini da ciclista si differenziano dai “normali” pantaloncini tenendo conto delle diverse esigenze del ciclismo e della posizione di guida – fasce in vita alte ed elasticizzate; bocchette di ventilazione per consentire l’ingresso di aria fresca; evitare di sbattere i tessuti che possono sfregare o interferire; cuciture progettate e posizionate in modo da evitare irritazioni, ecc.

Il fattore chiave che separa la maggior parte dei pantaloncini da ciclista (ad eccezione dei capi Downhill (DH) o Freeride (FR)) dai pantaloncini “normali” è il pad o il camoscio nella zona della sella per il massimo comfort durante la pedalata in sella.

Pantaloncini da ciclismo: Tipi comuni

I due tipi più comuni di pantaloncini da ciclista sono i pantaloncini da strada imbottiti a tenuta di pelle e i pantaloncini larghi da MTB.

Pantaloncini imbottiti da strada/bib shorts

Pantaloncini da strada-bibshorts

I pantaloncini da strada in lycra aderenti sono il “classico” abbigliamento da ciclismo.

Leggeri e aderenti alla pelle, i pantaloncini in lycra sono considerati l’opzione più comoda e aerodinamica per una guida lunga e a pedalata assistita, in quanto consentono una fantastica libertà di movimento e non sono soggetti a sfregamenti.

Sono realizzati con materiali moderni che sono “traspiranti” (permettono al vapore acqueo di fuoriuscire attraverso il tessuto, piuttosto che condensarsi sulla pelle) e che allontanano il sudore dalla pelle fino a farla evaporare (una qualità nota come “traspirazione”).

I pantaloncini di migliore qualità sono composti da più pannelli individuali per fornire una vestibilità ottimale ai contorni del corpo, mentre la qualità del camoscio migliorerà anche con i pantaloncini premium: “shammies” sagomati, multi-densità, più morbidi e confortevoli sulle lunghe corse e meno soggetti a batteri e odori.

Vale la pena di notare che la cura del camoscio è essenziale per prolungare la vita di qualsiasi pantaloncino, con il lavaggio post-corsa obbligatorio e il trattamento pre-corsa con una speciale crema di camoscio rinfrescante e idratante consigliata sia per il comfort che per la lunga durata.

I pantaloncini in lycra sono disponibili in diverse lunghezze e configurazioni:

  • Pantaloncini in vita: Sono pantaloncini in lycra fissati con un elastico in vita (al contrario della pettorina, come sotto).
  • I pantaloncini con bretelle si estendono sopra l’addome e hanno delle cinghie che vanno sopra le spalle, piuttosto che una fascia in vita. Questi sono meno inclini a sfregare e a tagliare lo stomaco. Sono utili anche come strato semibasico per tenere i reni caldi, e non lasciano la pelle sulla schiena esposta nel caso in cui la maglia si alzi, quindi la spesa extra vale la pena se si intende fare una cavalcata con il freddo.
  • I collant (¾ o a lunghezza intera, pettorina o non pettorina) offrono una maggiore copertura delle gambe e sono migliori per le condizioni climatiche più fredde.
  • I collant invernali sono realizzati in materiale più spesso che offre un migliore isolamento per tenervi caldi a temperature sotto lo zero. Sono comunque più pesanti, meno traspiranti e più restrittivi rispetto ai pantaloncini “normali”, quindi solo per il freddo.
  • I pantaloncini e le bretelle in lycra specifici per le donne sono ampiamente disponibili, tagliati non solo per riflettere le differenze dell’anatomia femminile, ma anche con il camoscio sagomato a misura.

Pantaloncini imbottiti larghi MTB

Pantaloncini MTB

Scelte al posto dei pantaloncini in lycra a volte per motivi di stile piuttosto che di praticità, le “bustine” sono generalmente la preferenza dei ciclisti di MTB e trail (i corridori di mountain bike in genere si affidano alla lycra per le stesse ragioni dei ciclisti su strada).

Tuttavia, i pantaloncini larghi non sono solo una scelta di stile, ma presentano molte aggiunte pratiche che il ciclista di MTB trova utili. Realizzati in tessuti di nylon robusti ma leggeri, forniscono una protezione migliore rispetto alla Lycra sottile, mentre sono utili anche le prese d’aria di raffreddamento e una moltitudine di tasche.

La maggior parte dei pantaloncini larghi hanno anche un camoscio, tranne che per i capi DH e FR dove le lunghe ore di pedalata in sella non sono un problema. Il camoscio può essere parte integrante dei pantaloncini, o con capi più costosi, può far parte di una fodera rimovibile.

Questa è un’opzione utile in quanto significa che gli shorts possono essere portati fuori dalla bici senza la fodera, oppure fodera e shorts possono essere lavati separatamente. Una fodera di qualità dovrebbe avere delle impugnature sulle gambe per evitare che si sventolino o che si alzino.

Una cintura elastica confortevole e regolabile in vita è essenziale, così come un metodo di chiusura sicuro e facile da usare con le dita guantate (ad esempio, bottoni a pressione o velcro al posto dei “normali” bottoni).

I pannelli elasticizzati in lycra sono ottimi per un’ottima vestibilità in bicicletta, mentre le prese d’aria di raffreddamento possono essere gradite se si è un motociclista che suda molto.

Una selezione di tasche cargo e una tasca con chiusura a cerniera per gli oggetti di valore sono ottime per riporli, ma tenete presente che non è comodo o consigliabile pedalare con tasche imbottite fino all’orlo, o portare oggetti appuntiti come chiavi nella tasca dei pantaloncini quando c’è il rischio di cadere.

Anche i pantaloncini specifici per le donne sono ampiamente disponibili e sono in genere più corti dell’equivalente per gli uomini, che di solito si estendono fino a metà coscia o appena sopra il ginocchio.

I pantaloncini da ¾ di lunghezza sono sempre più popolari per il loro stile e per la protezione extra del ginocchio e il calore che offrono, ma se si è più piccoli o più alti della media controllare la vestibilità in quanto possono essere troppo lunghi o corti e sembrano strani rispetto ai pantaloncini standard.

Molti pantaloncini saranno dotati di campanelli e fischietti aggiuntivi, alcuni dei quali saranno utili – come le cinghie regolabili per stringere attorno alle gambe ed evitare che il tessuto si sventoli o si sporchi, i pannelli riflettenti per il pendolarismo notturno – e alcuni di questi non lo saranno.

I migliori pantaloncini larghi trovano un semplice equilibrio: tessuto leggero ma resistente, vestibilità confortevole senza sfregamenti o irritazioni, ampia possibilità di regolazione e abbastanza tasche per essere pratici.